Essere igienista dentale in Italia!

Abbiamo visto come in America nel lontano 1913 si iniziò a formare la prima Igienista Dentale, Irene Newman, e come solo 4 anni dopo, nel 1917, venne rilasciata la prima licenza al mondo per praticare l’igiene dentale! Da lì, l’avvio di percorsi formativi e universitari è stato abbastanza rapido. Nel 2013 è stato festeggiato il Centenario di questa figura professionale.

Ed eccoci in Italia! Preparatevi!

Perché la complessità e tortuosità delle leggi renderà davvero incredibile un percorso di riconoscimento di questa figura professionale, spesso ostacolata e limitata rispetto ai nostri cugini europei ed americani.

Vediamo un po’! Prendete fiato e partiamo:

– Dal 1913 in America, questa figura professionale arriva in Italia alla fine degli anni ’70.

– Nel 1976 la regione Molise sovvenziona un corso biennale, che, però, non ottiene nessun riconoscimento giuridico.

– Nel 1978, la prima Scuola Diretta a fini Speciali, con riconoscimento
professionale da parte delle Istituzioni Nazionali, è istituita a Bari.

– Una serie di decreti ministeriali porta nel tempo al riconoscimento della figura
professionale dell’Igienista Dentale, ma il primo, purtroppo, è datato solo 26 Gennaio 1988. Tale decreto ha vita breve, viene pubblicato e successivamente abrogato per vizio di forma.

– La riforma degli ordinamenti didattici universitari è delineata dal Ministero
dell’Università nel 1990 e conduce ad una revisione delle discipline sanitarie del
Ministero della Sanità, in riferimento al decreto legislativo 30 Dicembre 1992, n.
502/517, art. 6: identificazione e formazione dei profili professionali.

– Con il Decreto Legislativo 30 Dicembre 1992, n.502, integrato poi dal Decreto
Legislativo 229/99, viene istituto anche in Italia un progetto di aggiornamento
“obbligatorio”: Educazione Continua in Medicina. In buona sostanza si prevede
che tutti gli operatori sanitari, indipendentemente dalla categoria d’appartenenza, partecipino a programmi/progetti di aggiornamento/formazione di valenza certificata ed approvata da una Commissione Nazionale/Regionale di verifica.

– 14 Settembre 1994, decreto n.669, prevede la possibilità che l’Igienista Dentale possa svolgere la propria attività sia in strutture pubbliche che private, in regime di dipendenza o libero-professionale. Tale decreto subisce, in seguito, una modifica, a seguito di un ricorso da parte di un’associazione di categoria del mondo odontoiatrico.

– 24 Luglio 1996, in ottemperanza ad un Decreto Ministeriale, le Scuole Dirette a Fini Speciali vengono sostituite, dai Corsi di Diploma Universitario (CDU) dell’area sanitaria, della durata triennale.

– 26 Febbraio 1999, legge n.42, riconosce a quelle professioni che nel Testo Unico erano chiamate “ausiliarie”, pari dignità professionale rispetto alle tradizionali professioni sanitarie (medico e odontoiatra), introducendo una disciplina di tipo generale valida per tutte le figure appartenenti a quella categoria.

– 15 Marzo 1999, DL n.137, prevede la modifica dell’articolo 1 del decreto n.669: l’Igienista Dentale può svolgere la propria attività “su indicazione” dell’odontoiatra o del medico chirurgo legittimato all’odontoiatria.

– 3 Novembre 1999, il decreto interministeriale n. 509 regolamenta la trasformazione dei Diplomi Universitari triennali dell’area sanitaria in Lauree di primo livello.

– 10 Agosto 2000, la legge n. 251, e successivamente il Decreto del Ministero della Sanità del 2 Aprile 2001, individua quattro classi delle Lauree Universitarie delle professioni sanitarie. La Laurea in Igiene Dentale appartiene alla classe 3, Professioni Sanitarie Tecniche Assistenziali.  Attraverso questo decreto tutti coloro in possesso del pregresso Diploma Universitario hanno la possibilità di accedere alla laurea di secondo livello.

Qui forse cambia un po’ la situazione perché l’acquisizione della Laurea di primo livello abilitante alla professione permette ai Dottori in Igiene Dentale di potere esercitare liberamente in regime di dipendenza o libero-professionale, in strutture pubbliche o private, Prevenzione e Igiene Dentale.
La laurea di secondo livello o magistrale, invece, permette anche l’insegnamento e l’accesso alla dirigenza delle strutture pubbliche o private.

I dottori in Igiene Dentale sono, ad oggi, gli unici operatori sanitari, insieme agli Odontoiatri o Medici Chirurghi legittimati all’esercizio dell’odontoiatria, a possedere un’abilitazione legalmente riconosciuta che li autorizza a svolgere i compiti relativi alla Prevenzione delle affezioni oro-dentali.

A me è venuto il mal di mare! E a voi?

Se siete curiosi e volete capire a che punto siamo ora, seguitemi nel prossimo post!

Un abbraccio,

Dott.ssa Elena

 

 

 

 

 

 

A proposito dell'autore Guarda tutti i post Sito web dell'autore

Elena Bizzotto

Musicista per passione e Igienista Dentale per vocazione, trasformo i sorrisi delle persone.

X