#58 Piercing e salute orale

Piercing e salute orale

Piercing e salute orale? La risposta è semplice. Se ne sconsiglia l’uso o bisogna diventare davvero molto bravi a pulirlo e mantenerlo.

I piercing sono oggetti che vengono introdotti superficialmente in alcune parti del corpo forandolo (dall’inglese “to pierce”: perforare, trapassare).

L’usanza dei piercing ha origini antichissime e anche oggi in Occidente si utilizzano, per lo più a scopo ornamentale.

Si trovano con discreta frequenza nel cavo orale, bocca, lingua, labbro, frenuli, guance.

Inseriti all’interno della bocca o attorno ad essa, creano numerosi problemi:

  • rottura o scheggiatura dello smalto
  • abrasioni delle superfici dentali
  • infiammazione dei tessuti molli
  • problemi di fonazione e alimentazione
  • problemi respiratori in caso di gonfiore della lingua.

Insomma, sono assolutamente da scoraggiare.

La loro stessa presenza costituisce un corpo estraneo su cui possono aderire i batteri.

Cosa fare se ce l’hai già?

Prenditi cura del tuo gioiello:

  • mantienilo sempre pulito
  • pensa anche a rimuoverlo quotidianamente per eliminare il biofilm batterico che si forma tutti i giorni inevitabilmente
  • elimina le brutte abitudini (per es. posizionare il piercing tra i denti davanti)
  • impara a riconoscere i segni dell’infiammazione dei tessuti attorno al piercing (gonfiore, rossore)
  • vai dal tuo Dentista/Igienista di fiducia se hai qualsiasi dubbio

Un abbraccio,

Dott.ssa Elena

A proposito dell'autore Guarda tutti i post Sito web dell'autore

Elena Bizzotto

Sono moglie e mamma di Sofia fissata con la prevenzione e le buone abitudini.
Suono il fagotto, pulisco denti, promuovo la salute, trasformo i sorrisi.