#18 Impara a leggere le etichette: gli ingredienti dei dentifrici

ingredienti dentifricio

Acquisti di solito il tuo dentifricio a caso?

Allora questa è la puntata giusta per te.

Gli ingredienti presenti nei prodotti di igiene orale (gel, collutori, dentifrici) seguono le stesse regole di etichettatura di tutti i prodotti che vengono messi in commercio.

Quando andiamo a leggere gli ingredienti, questi sono sempre inseriti dal primo che risulta essere in maggiore quantità, andando via via a scorrere con i principi attivi presenti sempre in minore concentrazione.

La qualità di un principio attivo e la sua quantità, può trasformare il prodotto da un prodotto cosmetico a uno terapeutico.

È importante sapere cosa utilizziamo, anche perché per quanto riguarda l’igiene orale usiamo quasi sempre prodotti cosmetici e potremmo avere alcuni problemi che potrebbero essere risolti con qualcosa di più specifico.

Qual è la grande differenza tra cosmetico e terapeutico?

Il prodotto cosmetico presenta dei principi attivi ed è fatto con determinate formulazioni da utilizzare sulle superfici esterne del nostro corpo (pelle, capelli, unghie, mucose, denti) e sono pensati per:

  • profumare
  • odorare
  • ripulire
  • mantenere in buono stato questi tessuti

I prodotti terapeutici invece sono pensati per avere dei principi attivi che curano un determinato problema.

Esempio:

Un prodotto che si trova facilmente al supermercato è il dentifricio della Biorepair. Ha come principio attivo i microrepair, che sono cristallini di idrossiapatite (il minerale che forma lo smalto).

In tutti i dentifrici che troviamo al supermercato, questi microrepair si trovano ad una certa concentrazione.

Nelle formulazioni dei prodotti in cui è aumentata la concentrazione di questo principio attivo, il nome del dentifricio diventa Repair PLUS e diventa dispositivo medico.

L’acquisto passa dal supermercato alle farmacie e parafarmacie.

Quali sono gli ingredienti dei dentifrici?

ACQUA

EMOLLIENTI-UMETTANTI-CONSERVANTI (23-30%)

Sorbitolo, glicerina.

Prevengono l’essiccazione della pasta una volta aperto il tubetto.

 

ABRASIVI (20-40%)

Silice, ossido si alluminio, fosfato di calcio, metafosfato di sodio, carbonati di calcio.

Aiutano nella rimozione di pigmentazioni superficiali.

 

DETERGENTI-TENSIOATTIVI (1-2%)

Sodium Lauryl Sulfate.

Sono gli agenti schiumogeni.

 

AROMATIZZANTI (1-2%)

Menta, menta piperita, timolo, eucaliptolo, anetolo, bergamotto, cannella, eugenolo.

Caratterizzano l’aroma e il sapore del dentifricio.

 

ADDENSANTI (1-2%)

Silicati, gomme, alginato, metilcellulosa, carragenina.

Aumentano la consistenza della pasta dentifricia.

 

DOLCIFICANTI-EDULCORANTI (1-3%)

 Saccarina, xilitolo, sorbitolo, mannitolo.

Dolcificanti cariostatici.

 

COLORANTI

Ossido di titanio, clorofilla e altri impiegati nella produzione industriale di alimenti.

Migliorano l’aspetto del dentifricio.

—————————————————————

Anche nei prodotti di igiene orale si tendono a eliminare alcuni principi attivi, che fanno parte delle famiglie di:

  • coloranti
  • conservanti
  • parabeni
  • tensioattivi

Trovi tutte le informazioni riguardanti il Fluoro e le Linee Guida Ministeriali, cliccando QUI.

Trovi l’articolo dove parlo dei 2 principi attivi mineralizzanti dei dentifrici senza Fluoro, cliccando QUI.

Saperti destreggiare nella scelta di un prodotto che utilizzi 2/3 volte al giorno, tutti i giorni della vita, è fondamentale.

Musica by Bensound.com

Un abbraccio,

Dott.ssa Elena

 

 

 

 

A proposito dell'autore Guarda tutti i post Sito web dell'autore

Elena Bizzotto

Musicista per passione e Igienista Dentale per vocazione, trasformo i sorrisi delle persone.

X