#16 Perché ascoltare un Igienista Dentale [e cosa succede se non lo fai]

L’Igienista Dentale è una figura professionale abbastanza nuova per i molti e affianca il dentista nella nobile missione di curare il sorriso delle persone.

Puntata 16 del Podcast
Chi è e cosa fa l’Igienista Dentale

In realtà in America la prima Igienista si formò nel 1913 e anche se in Italia ha avuto in iter di leggi molto movimentato, risulta, ad oggi, l’operatore sanitario laureato che, insieme agli Odontoiatri o Medici Chirurghi legittimati all’esercizio dell’odontoiatria, possiede un’abilitazione legalmente riconosciuta che lo autorizzi a svolgere tutto quello che serve per fare prevenzione della bocca.

La difficoltà della prevenzione

Quando si fa prevenzione, non possiamo quantificare al momento i benefici che darà nel futuro.

Le persone sono di solito più motivate a muoversi per risolvere un problema o scappare da una situazione che causa dolore.

Elena, il tuo problema è che le persone sono poco sensibilizzate all’argomento. Perché dovrebbero essere interessate a leggere o ascoltare di qualcosa che fanno tutti i giorni da anni? Questo “perché” è quello che devi far arrivare con i tuoi contenuti. (Alessio Beltrami – Content Marketing Academy)

Perché ascoltare un Igienista Dentale?

La mia risposta è che ti conviene, in termine di salute e in termini economici.

Cosa succede se non si ascolta un Igienista Dentale?

Si possono manifestare malattie infettive, trasmissibili, croniche e degenerative: la carie e la malattia parodontale (più conosciuta come piorrea).

Copertina del Time, The secret killer

Carie

È considerata una delle malattie infettive più diffusa al mondo che colpisce il tessuto duro del dente.

In Italia soffrono di carie:

  • 1 bambino su 4, a 4 anni
  • 1 bambino su 2, a 12 anni
  • quasi il 100% delle persone, a 40 anni
Malattia parodontale

In Italia ne soffre il 46% della popolazione, 1 italiano su 2.

È una malattia che colpisce i tessuti che sostengono i denti ed è il risultato di un meccanismo di difesa del mio corpo che cerca di difendere l’osso dall’avanzata batterica. Per fare questo, più i batteri scenderanno, più il mio osso si abbasserà per allontanarsi da loro.

Se non curata, porta alla perdita dei denti.

Ricordo che i batteri dal cavo orale hanno la capacità di spostarsi attraverso il circolo sanguigno e andare in circolo, raggiungendo e provocando problemi in distretti anche molto lontani dalla bocca.

Come cambiare le tue abitudini

Ho preso spunto da un bel libro che consiglio di leggere, Microsoluzioni di Caroline Arnold.

Si possono modificare le proprie abitudini seguendo tre step:

1. IDENTIFICA LE CONVINZIONI CON DOMANDE STRATEGICHE

  • se ci fossero dati nuovi o sconosciuti, sarei disposto a cambiare idea?
  • ci sono informazioni che non considero?
  • attraverso cosa, quale ragionamento, attribuisco significato a questo fatto?

2. RIBALTA LA CONVINZIONE RENDENDOLA POTENZIANTE

  • non è mai troppo tardi per…
  • mi merito…

3. AGISCI

  • fai il primo passo
Le 3 abitudini quotidiane dell’igiene orale
  1. usa lo spazzolino per 2 minuti/2 volte al giorno
  2. lo spazzolino non raggiunge tutte le superfici: usa gli strumenti interprossimali (filo, scovolini..)
  3. occupati non solo dei denti, ma anche del resto del cavo orale (lingua, interno delle guance, tonsille..)

Ho chiesto agli ascoltatori del canale Telegram “La salute sorride” di aiutarmi a trasmette il concetto che ascoltare un igienista Dentale può portare molti benefici. Ne sono uscite delle testimonianze davvero interessanti.

Il mio enorme GRAZIE va a:

  • Debora Montoli
  • Marta Cocco
  • Elena Assenzio
  • Jessica
  • Sharon Sala
  • Francesco Nardi
  • Romina Favero
  • Cristiano Guerra
  • Alessio Beltrami

Musica by Bensound

Un abbraccio,

Dott.ssa Elena

A proposito dell'autore Guarda tutti i post Sito web dell'autore

Elena Bizzotto

Musicista per passione e Igienista Dentale per vocazione, trasformo i sorrisi delle persone.

X